Come caricare la batteria della moto

6 Gennaio 2019 83411 Views

Scopriamo insieme come caricare la batteria della moto, quali strumenti utilizzare, quanto costa e quanto tempo ci si mette.

Ci sono alcuni periodi dell’anno in cui la moto o lo scooter vengono utilizzati meno e ti potrebbe succedere che ti si scarichi la batteria.

Come si fa a caricare la batteria della moto? Soprattutto, si può fare?

Assolutamente sì, puoi ricaricare tranquillamente la batteria della moto senza problemi.

Non devi però aprirla, mi raccomando. Le batterie moderne non si “rabboccano” più come in passato, quindi non ti sognare di togliere i tappini per controllare i livelli.

Quello che devi fare è attrezzarti nel modo giusto.

Che cosa ti serve

Per poter infatti caricare un batteria devi comprare un carica batterie e mantenitore di carica.

Il mantenitore di carica è un semplice apparecchio di piccole dimensioni che si collega alla tua batteria, sul polo positivo e polo negativo, si mette la spina nella corrente e… fa tutto da solo. Rileva il livello di carica e si comporta di conseguenza. Tutti ormai hanno protezioni da cortocircuito o sovraccarico.

Qualora la tua batteria sia proprio danneggiata, ti evidenzierà anche quello: molti hanno la funzione di desolfatizzazione, che permette di rigenerare batterie compromesse ma non sempre il risultato è positivo in quanto tutto dipende dalle condizioni della batteria stessa.

A me, in tanti anni, non è mai successo che fallisse la ricarica. Ho sempre utilizzato, ad esempio, il mantenitore di carica sulla batteria dal mio scooter Tmax d’inverno, proprio perchè lo tengo fermo in garage. Non c’è bisogno di tenerla attaccata tutto il tempo (anche se non succede nulla) ma una volta al mese gli davo un “caricatina”.

Il mantenitore di carica però non fa miracoli: se la batteria è arrivata alla fine del suo ciclo di vita (le batterie non sono eterne), potrà sì ricaricarla ma questa poi tenderà a scaricarsi più velocemente e rischi di rimanere a terra una volta fuori da garage. Quando arrivi a quel punto… viaggia magari anche con i cavi per far ripartire lo scooter in caso di emergenza poi… andarne a comperare una nuova.

Ho fatto un video sul mantenitore di carica che trovi in questa pagina.

Quanto costa?

C’è una differenza fondamentale tra i mantenitori di carica che devi sapere prima di comprarne uno. Non tutti vanno bene per le batterie al litio. Moto e scooter di ultima generazione montano infatti questo tipo di batterie che sono sì più costose ma meno pesanti, ingombranti e tengono la carica decisamente di più nel tempo.

Per procedere con l’acquisto è fondamentale conoscere il tipo di batteria che monta la tua moto o scooter.

Hai una batteria al gel, piombo e MF oppure al litio?

Fai attenzione perchè se carichi una batteria al litio con i mantenitore sbagliato rischi di bruciarla.

Fatta questa distinzione puoi comprare fondamentalmente quindi 2 tipi di caricatori e i prezzi si aggirano mediamente intorno tra le 30 e le 60 euro a seconda dei modelli.

Io uso l’Oxford e mi trovo bene. Ho visto molta gente che compra anche Black+Decker (costa normalmente meno di 30€). Ci sono tante marche, eviterei quelle sconosciute e che magari costano davvero poco, mi danno l’idea che possano durare poco o creare problemi.

Queste quindi le mie scelte:

Se vuoi farti una idea ti tutti i carica batterie e mantenitori di carica in circolazione, trovi una buona scelta su Amazon: https://amzn.to/2IhF8AT

Ma per quanto tempo devo caricare la batteria?

Tutti i mantenitori di carica (anche quelli sopra indicati), hanno un sistema intelligente che non va a sovraccaricare la batteria quindi non c’è un tempo “massimo” al quale lasciare attaccata la batteria.

Questi mantenitori riescono infatti ad effettuare il test sulle condizioni della batteria e di stabilire di conseguenza lo stato di carica e il valore di corrente per la ricarica della stessa. Zero problemi e zero sbattimenti.

Diciamo comunque che se hai la batteria proprio scarica in 10 ore al massimo hai risolto.

Prima del video, un’ultima accortezza: compra un carica batterie e mantenitore di carica che abbia anche i cavetti che puoi lasciare sempre attaccati alla batteria. Ci sono infatti quelle solo con i morsetti/pinze che ti obbligano a dove star lì a smontare sempre tutto, e quelle che ti dotano di un paio di cavi supplementari con degli occhielli che fissi al polo positivo e negativo e che poi ti permettono di ricaricare la batteria con poche e semplici operazioni.

Per qualsiasi info ulteriore… scrivimi o lascia un commento sotto il video su Youtube.

Se la batteria è nuova?

Se la batteria è nuova, l’hai appena comprata e vuoi sapere che cosa fare, ho realizzato questa guida che ti spiega, passo passo, come caricare una batteria nuova.

Condividi questo post con i tuoi amici!
Categoria del sito
Manutenzione moto
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *